Test di ripristino backup server

Il 25 maggio 2018 diventa pienamente applicabile anche in Italia il nuovo regolamento europeo sulla Privacy GDPR, che riguarda la protezione dei dati personali.
Diventa obbligatorio adottare le misure adeguate per proteggere tutti i vostri dati. 
E’ indispensabile eseguire il corretto salvataggio dei dati, cosi’ come poterli ripristinare quando serve.

C’è infatti una sola cosa peggiore di non aver fatto i backup: scoprire che i backup disponibili sono inutili perché non funzionano

spesso dipende dall’utilizzo di NASTRI, CD o DVD. Questi dispositivi per svariati motivi sono esposti a “corruzione”, potrebbero essere già pieni o non essere adatti al piano del backup.

è una delle principali cause di problemi ai sistemi. Utilizzare liste di oggetti da salvare potrebbe essere esaustivo oggi, ma non domani.

Le normali attività notturne potrebbero interferire con il processo di backup impedendogli il corretto accesso a tutti i file che deve salvare.

La crescita dei dati da salvare è esponenziale; in questo caso è opportuno rivedere la strategia di backup.

Una rete lenta o sovraccarica può causare un timeout del job di backup e quindi il fallimento dei salvataggi.

Non ci sono i permessi corretti per accedere ai dati che si desidera salvare, ciò implica che i dati più critici in assoluto non verranno mai trasferiti sul dispositivo di backup.

Non conoscere nel dettaglio la struttura dell’IBM Power Systems potrebbe indurre a non salvare parti importanti dello stesso.

E’ importante sapere quanti giorni di salvataggio devo avere disponibili per coprire le possibili esigenze della mia azienda. Inoltre metto da parte un salvataggio di fine mese? Di fine anno ?Per quanto tempo li conservo? e, dove conservo i supporti fisici su cui faccio i salvataggi? Nella stessa sala macchina del server? In cassaforte? In banca?